today

Oggi sarebbe stato il mio ultimo giorno di lavoro. Oggi sarei dovuta andare in maternità. Passare gli ultimi due mesi riposandomi, facendo acquisti, sistemando la cameretta. Invece sono qui, sdraiata sul letto, con la mia pancia piatta e un tour de force lavorativo all’orizzonte da far paura. Mi ero ripromessa di non pensarci più, ma certi pensieri s’impongo sul cervello come stilettate alla schiena e non posso fare null’altro se non farli passare e dormirci su.

3 comments to today

  • Martina  says:

    Ecco brava, dormici su e non pensare troppo a cosa avrebbe dovuto essere ma pensa piuttosto a cosa sarà…il apssato ormai è passato e non si può rimediare ma il futuro può essere ancora costruito. un abbraccio

  • Lypsak  says:

    Dormici su e fatti una risata pensando a chi la pancia ce l’ha tutt’altro che piatta, ma ha i sensi di colpa perché non ha la scusa consolante della maternità…
    E poi la strada mica è finita qui! Pensa come sarebbe andare in maternità a gennaio, e starsene chiotta chiotta al caldino sul divano di casa con B-Chan che ti fa i grattini…

  • micchan  says:

    pensa positivo e goditi l’estate…e magari quando meno te l’aspetti ….. 😉 vedrai, sarà sicuramente così, ne sono certa!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>