This is War

Oggi vi voglio parlare di un album che sta letteralmente monopolizzando i miei viaggi in auto da almeno un mese. L’album è “This is War” dei  30 seconds to Mars. E’ semplicemente magnifico e ora pezzo per pezzo vi spiego anche perchè:

  1. Escape: questa è un’intro. La voce roca di Jared Leto comincia a volgere le sue spire intorno a voi e non ve ne libererete tanto facilmente.
  2. Night of the Hunter: questa canzone inizialmente mi ha fatto un po’ paura. Il testo è veramente crudo perchè  parla di un sentimento che prima poi tutti proviamo. Voglia di vendetta. “One night of the hunter, One day I will get revenge,  One night to remember
    One day it’ll all just end”
    .
  3. Kings and Queens: primo singolo estratto. Gran bel video.
  4. This Is War: la prima canzone che ho sentito in una demo per un videogioco. Già amavo questo album senza averlo mai sentito per intero. Tutte le volte che sento il pezzo “Is the moment of truth and the moment to lie, The moment to live and the moment to die
    The moment to fight, the moment to fight, to fight, to fight, to fight” h
    o un brivido per la schiena.
  5. 100 Suns : è una canzone da sorrisi umidi.
  6. Hurricane: una delle mie preferite. Non vedo l’ora di sentirla dal vivo. La musica è perfetta pe run testo così pieno di rabbia ma anche sdi speranza “do you really want? do you really want me? do you really want me dead or alive to torture for my sins“.
  7. Closer to the Edge: forse la più epica di tutto l’album. Mi trovo sempre ad urlare come una matta nel pezzo
    “No, no, no, no  I will never forget  No, no I will never regret No, no I will live my lifeeeeeee
  8. Vox Populi: inizialmente non apprezzavo i cori perchè mi diestraevano ma senza di quelli la canzone non potrebbe essere più la stessa. Nella parte dove Jared canta “Here we are at the start, I can feel the beating of our hearts Here we are at the start…” si sente davvero la sensazione della partenza e della rinascita.
  9. Search and Destroy: da brividi.
  10. Alibi: nella mia personale classifica sta al secondo posto. E’ una canzone adatta come sveglia mattutina, prima il piano, poi la voce dolce e infine il fuoco che esplode.
  11. Stranger in a Strange Land: penso abbia il pezzo strumentrale più bello di tutto l’album, anche senza parole la musica ti rapisce nell’universo 30StM. Il testo è complicato, con continui riferimenti religiosi, non so esattamente cosa mi voglia dire però spesso mi sono sentita lost in the daydream, what do you see”
  12. L490: ecco, questa è l’unica canzone che non riesco a sentire. All’inizio e alla fine utilizzano dei suoni che mi danno fastidio in un modo allucinante, mi fanno venire mal di testa. Dopo aver passato le prime volte a skippare i primi 25 secondi alla fine ho smesso di ascoltarla. Sorry.

In conclusione, non credo che me ne libererò facilmente, resto in paziente attesa del concerto dell’ 8 dicembre….

3 comments to This is War

  • Babi  says:

    anche io dovrei iniziare a studiare qualcosa ma so già che arriverà l’8 dicembre in un batter d’occhio e io saprò sì e no 3 canzoni ._.
    Night of the Hunter è bellissima!!e anche io come te urlo come una matta quel pezzo di Closer to the edge xD

  • Lysa  says:

    Babi studiaaaaa!! 🙂

  • Babi  says:

    ;D

    bau!

    (mi piace il “Bau!” di invio commento)

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>