Dance! Dance! Dance!

La danza sembra un’arte delicata, dolce, per bambole di porcellana. Vi posso assicurare dopo tre settimane di lezione che è tutt’altro. Ci vuole una costanza pazzesca, tanto duro lavoro per avere miglioramenti minimi. Bisogna diventare padroni ed esperti del proprio corpo per far fare ai muscoli i giusti movimenti. Nulla è lasciato al caso, bisogna essere precisi, i movimenti devono essere fluidi e puliti. Non è proprio una passeggiata ma torno a casa carica come una molla. Sento il mio corpo che sta bene, nonostante i lividi alle ginocchia e sul sedere, che reagisce in modo positivo. Insomma, si continua!

6 comments to Dance! Dance! Dance!

  • Martina  says:

    Si, sono d’accordo, lo stesso lo provo con la pallavolo per quanto mi riguarda! Sono molto felice di avere ripreso lìattività fisica anche se con fatica e con qualche dolorino…ma adesso sto veramente bene, la sera in aplestra riesco a scricare lo stress e lascio qualsiasi problema fuori dalla porta!
    Lo sport aiuta!

  • Babi  says:

    che bello!!devo dire che l’ho provata un paio di anni ma sono un’impedita cronica!! ;D

  • Lypsak  says:

    Come ti invidio, Ly! Io ho la costanza di un pesce rosso e la grazia di una zuppa di broccoli…

  • Ly  says:

    @Martina: lo stesso per me! Sono totalmente concentrata, tutto il resto in quell’ora e mezza è fuori. Sigillato! Ed è assolutamente meraviglioso. Un’ora e mezza solo per ME. :-))

    @Babi: io non sono certo la Fracci ma, come tutto ciò che faccio, impegno al 200%. Prima o poi mi slegherò bene!!

    @Lypsak: Se lavori sul “pesce rosso” poi anche la “zuppa” diventa una “vellutata”. (Non insultarmi troppo…è una risposta delirante!)

  • Lypsak  says:

    Quindi in tono perfetto con i miei commenti! XD

  • Ly  says:

    @Lypsak: XD

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>