Per le scale

Chi non ha la fortuna di vivere in una casa singola generalmente vive in un condominio. Io che abito al secondo piano di una piccola palazzina senza ascensore, mi devo ovviamente fare 4 rampe di scale per arrivare davanti alla porta di casa. Da un po’ di tempo rientro a casa sempre sul tardi andante, suppergiù sono le 20 o poco prima e tutto il resto del condominio è già a tavola.

Mi piace moltissimo salire le scale e sentire il profumo di tutto quello che è stato cucinato. E’ strano perchè di solito una delle cose che sento che danno più fastidio ad altri, oltre all’aspirapolvere sulla testa alle 5 del mattino, è proprio l’odore di cibo per le scale. Si sentono i rumori di posate, risate, un chiacchiericcio allegro di chi si sta finalmente rilassando dopo una lunga e stancante giornata. La signora del piano terra  fa spesso il brodo, uno dei miei profumi di cibo preferiti, al primo piano si predilige la pasta al forno e le patate arrosto, cotolette al secondo piano fino a giungere davanti alla mia porta e aprirla piano curiosa di cos’ha preparato B-Chan per cena.

Insomma, quando apro la porta del condominio è come se il condominio stesso mi desse il bentornato a casa. Un bentornato che mi fa stare bene.

2 comments to Per le scale

  • Martina  says:

    E’ strano perchè io odio quell’odore di cibo cucinato, mi da proprio il volta stomaco…Ogni sera, quando torno (anche io tardissimo come hai detto tu), trattengo il respiro il più possibile perchè proprio non lo sopporto!

  • Lysa  says:

    @Marty: due sensazioni completamente diverse!!!!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>