Jessica Biel

Dopo una lunga assenza dovuta ad una crisi stilistica senza precedenti (leggi qui), per farmi perdonare torno non con uno, non con due ma con tre look tutti per voi. E Jessica Biel è la sventurata che passerà tra le mie mani.

Oltre ad essere la fidanzata di quel gran pezzo di gnocco di Justin Timberlake, Jessica è famosa per tre cose: labbra, occhi e sedere. In giro per i red carpet di mezza Europa per presentare il film “Easy Virtue” in cui recita accanto a Colin Firth e Kristin Scott Thomas ha sfoggiato diverse mise come vuole l’inflessibile  legge del R.C. Qui è a Londra e indossa una mise di taffeta di Louis Vuitton e dei gioielli Cartier. A parte il fatto che la scollatura del vestito fa pensare ad un taglio impazzito, l’unica cosa che salvo di questo ensemble sono le scarpe. Alte, nere e di raso. Troppo austero il vestito per la protagonista, ok l’umiltà ma sei su un red carpet porca paletta!

Ed eccola affrontare il red carpet di Roma in un vestito Oscar de la Renta e gioielli Bulgari. Jessica!! Ma li prendi proprio alla lettera i miei consigli!! Cosa ti sei messa?? Una cotta medioevale? Hai rubato un vestito alle Spice Girls?

Infine, sempre a Roma, durante la presentazione “mattutina”, ecco Jessica con un tailleur di taglio maschile firmato Yves Saint Laurent. Sai cosa? Io li avrei tenuti un po’ più lunghi quei pantaloni…

Dunque, qualcuno di voi mi sa dire SE ma sorpratutto DOVE ha evidenziato i suoi punti forti? Il sorriso truccato con tinte di rosa pallido è decisamente finto. Glli occhi, di un bel verde, non sono stati sottolineati dalla make up artist. Quanto ai vestiti, forse la mise sbrillucicosa (che piacerà molto allo staff di Enteroglifero) mette in risalto le curve ma il povero spettatore non avrà potuto rimirare nulla tutto indaffarato alla ricerca degli occhiali da sole per non rimanere acceccato.

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>