Il salvavita

Noi ragazze si sa. Se non abbiamo una borsa stile Mary Poppins non siamo contente. Ma cosa ci sarà nella nostra indispensabile borsa oltre alle chiavi di casa e della macchina, il portafoglio e il cellulare (e\o l’iPad)?

Il salvavita ovviamente.

Dicesi “salvavita” una pochette di dimensioni medio\piccole dal peso impressionante, con, stipate al suo interno, tante piccole cose che possono rendersi assolutamente indispensabili durante la giornata.

Analizziamo la mia.

 Come vedete le dimensioni sono abbastanza contenute ma per incastrare tutto quello che c’è dentro occorre una seria specializzazione a Tetris.

 

 

 

 

 
 Le medicine. Stare fuori di casa tutto il giorno non è semplice e anche il più piccolo contrattempo può diventare un terribile peso da portarsi in giro. Ecco perchè sono “armata” di ogni sostanza legale che può aiutarmi. Antidolorifici per il mal di testa, antipiretici, due tipi di collirio monodose (con e senza antistaminico), qualcosa per lo stomaco e per il mal di gola. Un “cofanetto” simile è custodito anche nel cassetto dell’ufficio. Non si sa mai….
 

 

 

 Altra roba utile. Disinfettante monodose, vedochiaro (quando l’iPad è proprio sporchissimo!), silicone per le scarpe (se sono nuove è meglio non rischiare di trovarsi una vescica enorme alla sera) e cerotti di varie dimensioni. Perchè scelgo cerotti da bimbi? Oltre ad essere bellissimi (avete visto quello di Batman?) sono molto più resistenti degli altri.
 

 

 

 

 

 

Altra roba utile parte II. Bustine di zucchero in caso di svarione, mini kit da cucito, chiavetta USB da 4 GB.
 

 

 

 

 

 

 

 

Cose che non servono spesso ma non si sa mai. Le mitiche pastiglie per aiutare a digerire, il collutorio, un dopo puntura universale (dalle zanzare ai ragni), un piccolo contenitore con la crema idratante, spray intimo, trattamento lucidante per capelli (mini size).

 

 

 

 

 

 

 

Make up! Ok, ammetto che qui qualcosa potrebbe rimanere a casa…ma non si sa mai! Due ciprie, la seconda leggermente più scura posso usarla come blush. Stick per le labbra rigorosamente naturale. Senza sarei perduta. Un gloss colorato e un rossetto perlescente neutro. Una specie di touche d’éclat per correzioni al volo. Non è buona come l’originale di YSL ma serve solo per le emergenze (tipo ho mangiato due tonnellate di cioccolata e un brufolazzo mi sta spuntando proprio in mezzo alla fonte). Ombretto stick nero per rapidi ritocchi ed infine il tagliaunghie. Perché per una manica della manicure come me, niente è più fastidioso di un’unghia rotta o scheggiata. Infine la scatolina tattica con “roba da femmine”.

 

 

 

 

Ed ora giochiamo!! Quanto pesa il mio kit di sopravvivenza? Dai dai dai dai!

One comment to Il salvavita

  • harlene  says:

    Bellissimo…ne ho uno simile ma mooooolto più ristretto, mi devo…anzi, LO devo aggiornare 😉
    Bacio
    Ely 🙂

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>