Tremblement de terre

Lavorare tutto il giorno, tornare  in paese, farsi ospitare ad un piano terra a lavarsi velocemente per poi mangiare, sedersi in giardino ed essere divorati dalle zanzare, mettersi il pigiama e dormire in auto per poi “svegliarsi” la mattina a pezzi e con l’umore estremamente variabile e suscettibile, passare in casa velocemente per prepararsi e andare a lavorare. Questo non è VIVERE.

Quindi, basta! Nonostante la scossa di 5.1 di ieri sera, dato che la mia casa è (per ora e speriamo lo rimanga) a posto, sono tornata a dormire nel mio letto. Ho scelto cosa indossare oggi, ho preparato le mie cosine, ho ascoltato i notturni di Chopin a basso volume e navigato un po’ in rete. Porte interne aperte, via di uscita libera, borsa con il minimo necessario a portata di “fuga” e buonanotte. SI  PUO’ FARE!

 

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>