S

Più o meno dopo il mio compleanno, ho fatto un corso (non mi dilungo sul tipo di corso) e uno degli esercizi consisteva nel trovare una parola che ci rappresentasse per ogni lettera del nome. La prima cosa che avevo scioccamente pensato era che il mio nome è troppo corto per contenere tutte le mie mille sfaccettature e poi ho iniziato a pensare.

LISA, solo quattro lettere, come sintetizzarmi in solo 4 lettere? La prima è stata facile L-lunatica, è un dato di fatto, cambio umore più volte al giorno, a volte più volte in un’ora, sento l’influsso della luna, del tempo, insomma un cancerino a tutti gli effetti. I-impegnata, anche questa era facile. Lavoro, famiglia, teatro, danza, lettura, fotografia, scrivere…ho tante passioni e non voglio perderle. Ci sono momenti dove mi dedico più a una o all’altra ma sono sempre tutte ben strette dentro me. Arrivata alla S, non mi veniva in mente nulla, mentre per la A finale la parola Artista lampeggiava già sul foglio prima di posare la matita sulla carta. Ma per la S, nulla. Il vuoto.

Quando abbiamo letto i risultati, il mio vicino ha suggerito “solare”. Ho riso, perché io sono una delle persone più distanti dall’essere solare. Io mi sforzo di essere positiva, mi sforzo di sorridere, mi sforzo di alzarmi se inciampo e mi sforzo di rimanere tranquilla. Ci sono giornate dove questo sforzarsi diventa quasi una violenza. Se c’è la possibilità che qualcosa vada male o se ho anche solo dei dubbi che possa finire male, la prima cosa che penso sono gli ennemila scenari successivi. Come e quando reagire. E vi dirò, è una cosa faticosissima! Però così so che quando capiterà, avrò già alcune alternative pronte. Quando pensi che il mondo sia bellissimo e scopri che non lo è ci rimani molto male e, in effetti, spesso ti fai anche molto male. Così tento di preparare la mia mente ad ogni cosa, con l’illusione che quando e se cadrò, mi faro meno male. Penso sia una forma di difesa, una stupida forma di difesa, ed è il motivo per cui ultimamente scrivo poco qui sopra, in questo periodo di grandi cambiamenti e instabilità, sono così presa da tutti questi scenari che arrivata qui, non saprei cosa scrivere senza preoccupare alcune persone che leggono o sembrare un po’ pazza.

“E perché stai scrivendo allora?” Bella domanda. Scrivere mi ha sempre aiutato a vedere le cose sotto un’altra luce, a volte a esorcizzarle e spero che serva anche questa volta e tutte le volte che ne avrò bisogno. FIGHT!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>