Triste giornata

L’ultima sorella di mia nonna se n’è andata. 89 anni. Bhè, penserete, mica male. Il fatto è che, come capita a volte, si è spenta all’improvviso. Il mattino è andata in bicicletta a prendere il pane, la sera un problema respiratorio se l’è portata via. Dopo la scompara di mia nonna, avvenuta un anno e mezzo fa, ho sempre considerato la “zia” come una seconda nonna. La classica persona che ti fa il terzo grado, che ti racconta le barzelette, quella che ti fa sempre trovare il gelato in freezer, quella che racconta anneddoti spassosi di quando era giovane ed erano tutti insieme loro 9 fratelli. La cosa che mi ha sconvolto è che nella bara era uguale alla mia nonna. E’ un po’ come averla persa ancora. Ora mi piace pensare che se la stanno raccontando tra una partita a scala 40 e una barzelletta “sporca” (ma non troppo).  Ed è un pensiero che mi da serenità. Perciò me lo tengo stretto.

Ciao Zia Alda, buon viaggio.

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>